Articoli

IL MERCATO CHIAMA, LA CINTA SENESE RISPONDE

Cresce la domanda di carni e salumi di Cinta Senese Dop e il Consorzio pensa a un progetto per incrementare la produzione garantendo elevato standard qualitativi. Un’opportunità che la filiera deve cogliere per migliorare la redditività delle imprese. Appuntamento il 16 ottobre nella sede del Consorzio

Sistemi innovativi per produrre di più mantenendo la tradizione: questa la nuova sfida del Consorzio di Tutela della Cinta Senese, per dare a chi ha sempre creduto in questa razza la possibilità di rispondere a una domanda di mercato in crescita, che potrebbe aumentare la redditività delle aziende.

"Quello che vogliamo raggiungere – spiega la presidentessa del Consorzio, Chiara Santini – è un aumento della produzione di carne e salumi di Cinta Senese Dop, continuando però a garantire alti standard qualitativi”.

Per ottenere questo risultato servono ricerca, interventi strutturali e organizzativi della filiera, partendo dalla volontà di tutti di condividere le informazioni per monitorare e migliorare ogni fase produttiva.

Allo scopo verrà presentato un Progetto Integrato di Filiera (PIF) nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale PSR2014-2020 (Decreto n° 2359 del 26/05/2015  - BURT 3 Giugno 2015  Parte III, suppl. n. 87), che avrà come capofila il Consorzio di tutela della Cinta Senese affiancato dall’Università di Firenze e dal  Centro Ricerche Produzioni Animali di Reggio Emilia  in qualità di partner scientifico per l’innovazione, vista l’esperienza maturata nella ricerca nazionale e internazionale nel settore suinicolo.

Il progetto mira al miglioramento quanti-qualitativo della produzione di carni suine fresche e trasformate Cinta Senese DOP attraverso l’attivazione di sottomisure del PSR (3.1, 3.2, 4.1, 4.2, 16.2) funzionali ad una serie di interventi, tra cui lo sviluppo di un Sistema Informativo per il monitoraggio della filiera nelle fasi di allevamento a di trasformazione. Il progetto coinvolge direttamente allevatori e trasformatori i quali possono aderire sottoscrivendo un accordo di filiera, nel quale sono descritte opportunità, condizioni e vincoli derivanti dall’adesione al progetto, sia a titolo di “Partecipante diretto” beneficiario di sostegni del PSR, che di “Partecipante indiretto” non beneficiario del PSR.

Gli interessati sono invitati a partecipare alla riunione che si terrà il prossimo 16 ottobre alle ore 14 presso la sede del Consorzio di tutela della Cinta Senese in strada di Cerchiaia 41/4 a Siena.

Per informazioni contattare il Consorzio scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonando al numero 0577 389513.